Questo sito utilizza cookie, anche di terze parti, per inviare messaggi pubblicitari mirati. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie clicca qui. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque suo elemento acconsenti all'uso dei cookie.

Ok

Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc Image1 itimages27747094tsdc stileo Shoesheathr itimages27747094tsdc stileo stileo Image1 stileo Image1 Shoesheathr

accedi o registrati

stileo itimages27747094tsdc Image1 Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc stileo Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc stileo Shoesheathr stileo Image1
stileo stileo stileo Image1 Image1 stileo Image1 Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc 4F1pFcg stileo stileo stileo Image1 Image1 stileo Image1 Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc 4F1pFcg

11°

LAGO (COSENZA)

stileo stileo stileo Image1 Image1 stileo Image1 Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr itimages27747094tsdc Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc 4F1pFcg

A Lago, vicino Cosenza. Sacerdote: per sanare debiti parrocchia

(ANSA) - LAGO (COSENZA), 21 SET - Don Giancarlo Gatto, il parroco del Santuario della "Madonna delle Grazie", a Lago, un centro vicino Cosenza, si sarebbe impossessato dell'oro della Madonna custodito in chiesa, del valore di circa 30 mila euro, e lo avrebbe venduto senza chiedere il permesso delle autorità ecclesiastiche. Il sacerdote avrebbe ammesso i fatti, giustificandosi con la necessità di sanare i debiti della parrocchia. Un gruppo di fedeli ha denunciato i fatti all'Arcivescovo, mons. Francesco Nolè, che ha avviato un'indagine. Sulla vicenda é intervenuto oggi, con un comunicato diffuso dalla Curia, lo stesso Arcivescovo, che si é detto "sorpreso e amareggiato per quanto é accaduto nella comunità di Lago, divisa e provata da alcune decisioni che il parroco avrebbe messo in atto senza consultare i superiori, né chiedere i permessi dovuti alle competenti autorità ecclesiastiche". Mons. Nolé, nella nota, ha invitato il parroco "ad un atto di umile responsabilità nel chiedere pubblicamente scusa alla comunità". (ANSA).

© RIPRODUZIONE RISERVATA

Condividi
Clicca qui per leggere e commentare >>

Inviaci il tuo commento

Condividi le tue opinioni su Gazzetta di Parma

Caratteri rimanenti: 2500

Shoesheathr itimages27747094tsdc stileo Image1 stileo Image1 Shoesheathr Image1 itimages27747094tsdc Shoesheathr Image1 stileo stileo itimages27747094tsdc

Video

Gossip, Fun, Spettacoli


Lealtrenotizie

Gazzetta di Parma S.r.l. - P.Iva 02361510346
Tutti i diritti riservati 2016
Powered by GMDE s.r.l.